Eco Investimenti - Carrozzeria Centro Auto Pontedera - Centro Auto Pontedera

Vai ai contenuti

Menu principale:

news

Un concentrato di energia, spirito positivo e innovazione fanno della nuova Carrozzeria Centro Auto Pontedera un valido esempio di come determinazione e laboriosità aiutino a puntare su nuove strategie per non rinunciare alle proprie ambizioni nei momenti difficili. E' questa la filosofia aziendale dei titolari, che hanno testato una nuova riparazione di tipo ecologico. Scopriamo come funziona:

”ECOINVESTIMENTI” VINCENTI
In tempi di crisi è importante affidarsi a nuove iniziative per assicurarsi opportunità in termini di autonomia professionale e sviluppo imprenditoriale e il sogno di coloro che che sentono germogliare in sé il senso dell'imprenditore è proprio quello di raccogliere i frutti del del proprio lavoro dopo anni di lunga esperienza come dipendenti. Se poi l'eredità sulle spalle deriva dall'apprendistato presso una rinomata attività locale, la responsabilità di doversi affermare e assicurarsi clientela attraverso un operato impeccabile si raddoppia strada facendo. E' accaduto ai due amici, Massimo Bartoli e Pietro Andreoli, diventati oggi soci e titolari della Carrozzeria Centro Auto in provincia di Pisa, che raccontano alla redazione come è iniziata e prosegue la loro avventura assieme in un periodo complesso sul piano economico.

  • Come vi siete conosciuti?

<<Lavoravamo assieme all'interno di una prestigiosa carrozzeria di Pisa – spiegano - e tra di noi si è da subito instaurata una bella sintonia, che dura da oltre 5 anni>>.

  • Quando è nata l'idea di fondare una società tutta vostra?

<< Nel 2010, quando si era presentata l'occasione di investire in un capannone all'interno del quale Massimo aveva già realizzato un attività in proprio. Nel luglio dello stesso anno siamo entrati in società ed abbiamo dato un nuovo assetto alla sede, con attrezzature nuove e l'introduzione di altri servizi>>.

  • Un investimento in piena crisi. Come mai avete deciso di lanciarvi sul mercato proprioin questo momento?

<< E' stata la nostra sfida. Abbiamo voluto misurarci con la competenza acquisita per testare la nostra capacità imprenditoriale, cogliendo al volo un'opportunità allettante>>.

  • Una scelta audace, quindi. Come sono stati i riscontri della clientela?

<< Sono stati positivi. La clientela locale infatti conosceva già il nostro modo di lavorare come dipendenti. L'obiettivo principale, per noi, resta sempre quello di operare con serietà ed assicurare lavorazioni eccellenti>>.

  • In questo vi supporta la tecnologia. Quali attrezzature innovative avete adottato?

<< Impianti di aspirazione polveri all'avanguardia, cabine di verniciatura di nuova generazione, lampade ad infrarossi>>.

  • Tutte soluzioni che oggi, alla luce delle nuove normative sulla regolamentazione ambientale, consentono di monitorare le emissioni nocive e i rifiuti e, allo stesso temo, di riqualificare un'azienda. Come la pensate a proposito?

<< Siamo favorevoli a qualsiasi iniziativa che permetta di operare in condizioni migliori sia in termini di produttività che di abbattimento di emissioni e di consumi. Infatti l'acquisto più recente riguarda un macchinario, maneggevole e facile da usare della ditta Ibix, approvato dalla Sopraintendenza delle belle Arti, idoneo ad eseguire un nuovo tipo di sabbiatura a basso impatto ambientale>>.

  • Potete spiegarci meglio in cosa consiste l'aspetto innovativo di questo sistema?

Si tratta di un metodo di pulitura a secco, a bassa pressione, che si avvale di un nuovo materiale ecologico, abrasivo e atossico, il garnet, che grazie alla sua elevata durezza riduce notevolmente la diffusione di polvere in eccesso, a differenza del metodo tradizionale di levigatura>>.

  • Dove viene applicato, di preciso?

<< E' molto efficace per la rimozione della ruggine e per la carteggiatura meccanica. Il materiale utilizzato è un abrasivo minerale naturale privo di ferrite, perciò non ossida e si rivela adattabile a lavorazioni su metalli. L'assenza di formazione di polvere non provoca deformazioni sulla lamiera, infatti la superficie pulita non richiede lavorazioni intermedie. Viene inoltre utilizzato per le operazioni di smerigliatura a polvere e restauro auto, moto d'epoca>>.

  • Realizzate anche lavori di restauro, quindi?

<< Si, è una passione che lega entrambi. Massimo ha iniziato da bambino a mettere mano su vecchie auto e nel tempo ha perfezionato tecniche e procedimenti>>.

  • Restauro e tecnologia ormai vanno di pari passo.....

<< Esattamente e, la cosa è molto importante per eseguire lavorazioni impeccabili. Andare alla ricerca di nuove metodologie e applicare prodotti e sistemi studiati ad hoc permette di operare nel migliore modo possibile, specie nell'ambito della sicurezza, ma è importante anche conoscere regole e tempi che soltanto l'esperienza può insegnare>>.

  • Tornando alla sabbiatura ecologica, quali vantaggi apporta all'attività?

<< Rapidità nelle lavorazioni, aumento della produttività e soprattutto unm alto risparmio sui costi di smaltimento. Il garnet infatti ha una bassa friabilità, caratteristica che gli permette di essere riciclato più volte. Quello che noi usiamo è un metodo applicato anche nell'edilizia leggera e nella pulizia del settore nautico, perciò il nostro intento è quello di ampliare le opportunità di business all'interno della nostra attività>>.

  • Avete messo al corrente la clientela di questo nuovo metodo?

<< Si, attraverso pubblicità e brochure informative, ma soprattutto per mezzo di dimostrazioni pratiche, che nonostante abbiano rubato del tempo al nostro lavoro, riteniamo siano il metodo più efficace per coinvolgere il pubblico e provare la qualità delle tecniche di lavorazione>>.


La fede nelle nuove tecnologie come soluzione al problema ambientale di sicuro dà una grossa mano allo sviluppo dell'innovazione sul piano ecologico, assicurando numerosi vantaggi a tutte quelle aziende che sono impegnate in una politica ecosostenibile e, c'è da dire che in Italia negli ultimi anni sono davvero in crescita. Con lo scopo di ottimizzare i consumi e ridurre l'impatto dei prodotti nocivi attraverso il riciclaggio e le operazioni di monitoraggio sullo smaltimento, la riduzione dei consumi di materiale e di energia, sono i risultati positivi di questa scelta virtuosa che assicurano un atteggiamento etico positivo e anche visibilità. Pubblicizzare le proprie iniziative con l'intento di fidelizzare nuova clientela e smuovere le coscienze contribuisce infatti a diffondere uno stile di vita migliore e a incoraggiare idee innovative.

[Articolo di D. Moramarco tratto da CAR Carrozzeria]

 
Torna ai contenuti | Torna al menu